Notizie MondoNeve » dolomiti » Ecopass sulle Dolomiti, Bolzano propone una tassa di 5 euro

Ecopass sulle Dolomiti, Bolzano propone una tassa di 5 euro

Ecopass sulle Dolomiti, Bolzano propone una tassa di 5 euro

Se ne parla da tempo ma ora sembra di essere arrivati ad una svolta. La provincia di Bolzano è decisa a varare una legge che imponga il pagamento di una tassa di 5 euro per transitare nei passi Dolomiti.
L’obiettivo è quello di ridurre l’inquinamento e riportare un po’ di tranquillità in alta montagna dove durante la stagione sciistica e durante l’estate si registra la presenza di un gran numero di auto e moto.
La proposta arriva direttamente dall’assessore all’ambiente Florian Mussner che dice “Contiamo di far pagare un pedaggio di 5 euro ad auto e moto, di 12,50 ai camper e di 25 agli autobus”, i primi tratti interessati dal provvedimento dovrebbero essere Passo Pordoi, Passo Sella e Passo Gardena ma il provvedimento che potrebbe entrare in vigore già nei prossimi mesi (e sembra confermato) è quello del pedaggio su Passo dello Stelvio. L’accordo fra la provincia di Sondrio e Bolzano pare raggiunto e sembra anche che le cifre si aggireranno sui 15 euro per le auto e 5 euro per le moto.
Sul sito della provincia di Bolzano si legge “Tutti i fondi incassati con l’applicazione delle tariffe verranno reinvestiti nelle opere di valorizzazione, manutenzione e adeguamento della strada del passo” I fondi raccolti non andrebbero quindi ad attenuare l’inquinamento attraverso opere di riduzione della CO2 bensì servirebbero per mantenere in buone condizioni il tratto stradale e ridurre i costi di manutenzione del Passo Stelvio.

passo pordoi

Ma le Dolomiti non si trovano solamente nella provincia di Bolzano, ad entrare nel merito della questione è anche la provincia di Belluno che dichiara di essere fermamente contraria a qualsiasi tassa o pedaggio sui passi Dolomitici. La contrarierà viene motivata così: “Noi i passi non li chiuderemo mai, se vogliono chiudano i loro! Vivono nell’abbondanza, hanno tutto e noi non abbiamo niente. Da noi ci sono vallate che se chiudono i passi muoiono, per giunta in un momento economicamente molto difficile come questo. Bisogna avere i piedi per terra”. La questione che viene posta sul tavolo è quella di una possibile flessione del turismo nelle vallate che spesso dipendono proprio dall’accessibilità dei passi.
Se i veneti si oppongono aspramente al provvedimento, la provincia di Trento non si espone più di tanto anche se da segnali possibilisti sull’introduzione di un “ecopass”.

Il pedaggio sulle Dolomiti era già stato richiesto a gran voce, diverso tempo fa, dai comitati ambientalisti ed anche dal famoso alpinista Reinhold Messner che addirittura ne aveva proposto la chiusura in determinati momenti dell’anno.

Viene da chiedersi quindi se questa proposta sia veramente uno strumento utile per ridurre l’inquinamento nelle magnifiche Dolomiti (Patrimonio Naturale dell’Umanità) oppure se sia solo l’ennesimo trucco per tassare e fare cassa.
Voi cosa ne pensate? Siete favorevoli o contrari al pedaggio sui passi Dolomitici?

Iscriviti alla newsletter di MondoNeve

Ricevi le ultime news dal mondo della neve e le migliori offerte vacanza direttamente nella tua e-mail.

Altre pagine consigliate

follows



Google+

MondoNeve su Facebook